SCUOLA CIVICA – Introduzione
  • SCUOLA CIVICA MUSICALE

    CORPO BANDISTICO CITTA’ DI BUSSOLENGO

    Complesso scolastico “Beni Montresor”

    Via Martiri delle Foibe 30 – 37012 – Bussolengo (VR)


    per informazioni telefona al numero 3395456097 tutti i pomeriggi dalle 15 alle 20 o visita il sito www.bandabussolengo.it

    posta elettronica: scuolacivica@bandabussolengo.it


    LETTERA AI GENITORI:

     

    CONGRATULAZIONI

    La decisione che avete preso di far studiare a vostro figlio uno strumento musicale rappresenta un investimento per il suo futuro. Dandogli la possibilità di suonare uno strumento musicale gli avete fornito l’opportunità di esprimersi, di essere creativo, di realizzarsi.

    Numerosi studi rivelano che il comportamento, l’incoraggiamento ed il coinvolgimento dei genitori risultano elementi importanti perché il ragazzo possa apprendere con successo a suonare e a godersi la musica

    Come succede per altre attività, l’interesse conta molto più del talento; pertanto, grazie al vostro aiuto, fare musica diverrà un componente naturale della vita di vostro figlio.


    BENEFICI PER VOSTRO FIGLIO

    La partecipazione musicale accresce:

    – la capacità di risolvere i problemi, la capacità di lavorare in gruppo, la capacità di stabilire obiettivi, la capacità di espressione, la coordinazione, la capacità della memoria, la sicurezza in se stessi e la stima, la concentrazione, l’equilibrio, molto e molto ancora!

    PER LA VOSTRA FAMIGLIA

    Lo studio della musica da parte di un bambino, di un ragazzo, offre anche l’opportunità a tutta la famiglia di condividere esperienze gradevoli. Ad esempio:

    – la partecipazione ad eventi musicali, suonare per la famiglia ed amici, imparare la storia dei compositori e conoscere l’ eredità culturale della civiltà occidentale, un senso di orgoglio e di soddisfazione per tutta la famiglia.


    COME COMPORTARSI

    Ricordate sempre che il vostro aiuto è un elemento chiave per il successo di vostro figlio nello studio della musica.

    PROGRAMMATE ORARI DI ESERCIZIO La conoscenza della musica richiede un impegno costante per un certo periodo di tempo. Potete aiutare vostro figlio:

    – trovandogli un posto silenzioso nel quale fare pratica, non allontanandosi durante le ore in cui compie gli esercizi, programmando un costante e adeguato orario giornaliero di esercizio, elogiando i suoi sforzi ed i risultati raggiunti.


    COSA FARE

    Per dare a vostro figlio il miglior sostegno, dovreste:

    – incoraggiarlo a suonare per la famiglia e per gli amici, complimentarvi con lui ed incoraggiarlo regolarmente, fargli ascoltare una grande varietà di spettacoli musicali, incoraggiarlo a parlarvi delle sue lezioni di musica, assicurarvi che il suo strumento musicale sia in perfette condizioni, lasciarlo libero di suonare diversi generi di musica, ascoltarlo mentre si esercita e dare segno di riconoscere i progressi, aiutarlo a crearsi una biblioteca musicale ed una nastroteca, cercare di fargli prendere l’impegno di studiare musica per almeno due anni.


    COSA NON FARE

    I progressi di vostro figlio diverranno maggiori se:

    – non utilizzerete gli esercizi musicali per infliggergli una punizione, non insisterete affinché suoni per altri quando egli non vuole, non lo deriderete né vi prenderete gioco degli errori che commetterà o dell’imperfetta esecuzione, non vi scuserete con gli altri per un’imperfetta esecuzione, non vi attenderete rapidi progressi all’inizio.


    SE VOSTRO FIGLIO PERDE INTERESSE

    Nel caso in cui vostro figlio perdesse interesse nello studio della musica, non allarmatevi.

    Discutete la cosa con vostro figlio e individuate perché l’interesse sta scemando, parlate con il suo insegnante di musica per vedere cosa potrebbe essere fatto per riaccendergli l’entusiasmo, incoraggiate vostro figlio ad applicarsi alle lezioni per un periodo di tempo concordato, offritegli maggiore aiuto e siate entusiasti del suo lavoro.

    Se sarete in grado di seguire questi consigli ed attenervi con costanza a quanto suggerito, vi accorgerete che lo studio della musica rappresenterà una proficua e piacevole esperienza sia per i vostri figli che per voi genitori.

     

    Il direttore della Scuola di Musica

    prof. Luciano Brutti