SCUOLA CIVICA

La Scuola Civica Musicale di Bussolengo ha come fine l’insegnamento, la conoscenza e la pratica della Musica sia come intendimenti popolari, che con caratteristiche professionali.

La Scuola Civica è organizzata dal Corpo Bandistico “Città di Bussolengo” con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Bussolengo, della Provincia di Verona e dell’A.M.B.A.C. (Associazione Musicale Bande Assiemi Complessi).

I metodi di studio e i programmi sono stati perfezionati attraverso l’esperienza per realizzare una scuola di musica moderna, strutturata secondo i diversi indirizzi e generi musicali rispecchianti le esigenze socio-culturali di ragazzi e adulti che intendono fruire di un qualificato insegnamento della musica.

La scuola offre la possibilità di seguire il corso con programma finalizzato a sostenere gli esami previsti dalla normativa ministeriale o, in alternativa, il programma amatoriale specificamente studiato che, fornendo comunque gli elementi fondamentali di impostazione e tecnica, conduce l’allievo ad una padronanza dello strumento. La Scuola ha uno staff di insegnanti qualificato sotto il profilo didattico e artistico, tutti diplomati in Conservatorio.

Le lezioni seguono il calendario scolastico ottobre/maggio; oltre all’attività didattica, la Scuola Civica promuove saggi di fine anno, lezioni concerto nelle scuole elementari e medie, seminari, incontri e scambi culturali con altre realtà musicali del territorio.

La pubblicità dell’iniziativa è espressa attraverso manifesti, stampa locale, volantini per le scuole, abbinando manifestazioni musicali realizzate con l’intervento degli stessi operatori. Il Corpo Bandistico “Città di Bussolengo” mette a disposizione strumenti a fiato e borse di studio per gli allievi meno abbienti e più meritevoli.

La Scuola Civica Musicale si pone anche degli obiettivi sociali:

  • Offrire qualcosa di diverso, che esca cioè dal rigido schema del programma del Conservatorio, basandosi sugli allievi sia singolarmente che come gruppo, ma sempre in vista dell’educazione e della formazione di persone;
  • Evidenziare le carenze di carattere culturale, sociale e soprattutto pedagogico;
  • Essere complementare o comunque agganciarsi a ciò che concerne l’educazione musicale e la cultura del territorio in cui opera;
  • Aprire le porte del mondo musicale ai più piccoli e agli adulti;
  • Salvaguardare le tradizioni del paese con il potenziamento dell’organico del Corpo Bandistico;
  • Scegliere materiale e strutture adeguate per la realizzazione degli obiettivi previsti.

  

LETTERA AI GENITORI

CONGRATULAZIONI,

La decisione che avete preso di far studiare a vostro figlio/a uno strumento musicale rappresenta un investimento per il suo futuro. Dandogli la possibilità di suonare uno strumento musicale gli avete fornito l’opportunità di esprimersi, di essere creativo, di realizzarsi.

Numerosi studi rivelano che il comportamento, l’incoraggiamento ed il coinvolgimento dei genitori risultano elementi importanti perché il ragazzo possa apprendere con successo a suonare e a godersi la musica

Come succede per altre attività, l’interesse conta molto più del talento; pertanto, grazie al vostro aiuto, fare musica diverrà un componente naturale della vita di vostro figlio/a.

BENEFICI PER VOSTRO FIGLIO/A

La partecipazione musicale accresce:

  • La capacità di risolvere i problemi, la capacità di lavorare in gruppo, la capacità di stabilire obiettivi, la capacità di espressione, la coordinazione, la capacità della memoria, la sicurezza in se stessi e la stima, la concentrazione, l’equilibrio, molto e molto ancora!

PER LA VOSTRA FAMIGLIA

Lo studio della musica da parte di un bambino/a, di un ragazzo/a, offre anche l’opportunità a tutta la famiglia di condividere esperienze gradevoli. Ad esempio:

  • La partecipazione ad eventi musicali, suonare per la famiglia ed amici, imparare la storia dei compositori e conoscere l’eredità culturale della civiltà occidentale, un senso di orgoglio e di soddisfazione per tutta la famiglia.

COME COMPORTARSI

Ricordate sempre che il vostro aiuto è un elemento chiave per il successo di vostro figlio/a nello studio della musica.

PROGRAMMATE ORARI DI ESERCIZIO, la conoscenza della musica richiede un impegno costante per un certo periodo di tempo.

Potete aiutare vostro figlio/a trovandogli un posto silenzioso nel quale fare pratica, non allontanandovi durante le ore in cui compie gli esercizi, programmando un costante e adeguato orario giornaliero di esercizio, elogiando i suoi sforzi ed i risultati raggiunti.

COSA FARE

Per dare a vostro figlio/a il miglior sostegno, dovreste:

  • Incoraggiarlo a suonare per la famiglia e per gli amici, complimentarvi con lui ed incoraggiarlo regolarmente, fargli ascoltare una grande varietà di spettacoli musicali, incoraggiarlo a parlarvi delle sue lezioni di musica, assicurarvi che il suo strumento musicale sia in perfette condizioni, lasciarlo libero di suonare diversi generi di musica, ascoltarlo mentre si esercita e dare segno di riconoscere i progressi, aiutarlo a crearsi una biblioteca musicale ed una nastroteca, cercare di fargli prendere l’impegno di studiare musica per almeno due anni.

COSA NON FARE

I progressi di vostro figlio/a diverranno maggiori se:

  • Non utilizzerete gli esercizi musicali per infliggergli una punizione, non insisterete affinché suoni per altri quando egli non vuole, non lo deriderete né vi prenderete gioco degli errori che commetterà o dell’imperfetta esecuzione, non vi scuserete con gli altri per un’imperfetta esecuzione, non vi attenderete rapidi progressi all’inizio.

SE VOSTRO FIGLIO PERDE INTERESSE

Nel caso in cui vostro figlio perdesse interesse nello studio della musica, non allarmatevi.

Discutete la cosa con vostro figlio/a e individuate perché l’interesse sta scemando, parlate con il suo insegnante di musica per vedere cosa potrebbe essere fatto per riaccendergli l’entusiasmo, incoraggiate vostro figlio/a ad applicarsi alle lezioni per un periodo di tempo concordato, offritegli maggiore aiuto e siate entusiasti del suo lavoro.

Se sarete in grado di seguire questi consigli ed attenervi con costanza a quanto suggerito, vi accorgerete che lo studio della musica rappresenterà una proficua e piacevole esperienza sia per i vostri figli che per voi genitori.

Il direttore della Scuola Civica Musicale di Bussolengo

prof. Luciano Brutti